Riferimento di configurazione

In questo capitolo vengono spiegate in dettaglio tutte le pagine di configurazione all’interno di Veyon Configurator e tutte le opzioni di configurazione con i rispettivi significati. Serve principalmente come riferimento per la ricerca di opzioni di configurazione dettagliate. Un manuale e suggerimenti per l’installazione sono disponibili nel capitolo: rif: Configurazione.

Nota

Alcune impostazioni avanzate sono nascoste nella vista standard. È possibile passare alla vista avanzata utilizzando il menu.

Generale

Interfaccia Utente

Lingua

La lingua selezionata può essere configurata per le interfacce utente grafiche e gli strumenti della riga di comando. Puoi scegliere tra tutte le lingue che sono state tradotte finora. Per rendere effettiva la modifica della lingua, è necessario riavviare il programma. Per impostazione predefinita, Veyon utilizza la lingua del sistema operativo se è disponibile una traduzione per quella lingua. Altrimenti l’inglese verrà utilizzato come fallback.

Predefinito: Usa impostazione lingua del sistema

Autenticazione

Il capitolo Configurazione descrive il Metodi di autenticazione disponibile in Veyon.

Metodo

Questa opzione definisce quale metodo di autenticazione usare. Autenticazione di accesso non richiede ulteriori impostazioni e può essere utilizzato immediatamente. Per utilizzare l’autenticazione key file, chiavi di autenticazione appropriate devono prima essere create e distribuite.

Predefinito: * Autenticazione accesso *

Directory dell’oggetto di rete

In Veyon una directory degli oggetti di rete fornisce informazioni sugli oggetti di rete. Gli oggetti di rete possono essere computer o le loro posizioni. I dati forniti dalla directory degli oggetti di rete vengono utilizzati da Veyon Master per popolare la vista Posizioni e computer con voci. I dati dalla directory degli oggetti di rete vengono utilizzati anche per le regole di controllo dell’accesso che utilizzano le informazioni sulla posizione del computer. Per impostazione predefinita, viene utilizzato un back-end che memorizza computer e posizioni nella configurazione Veyon locale e li interroga dalla configurazione ogni volta che è necessario. Vedere la sezione Posizioni e computers per i dettagli.

Backend

È possibile utilizzare questa impostazione per impostare il backend desiderato per la directory degli oggetti di rete. A seconda dell’installazione potrebbero esserci diversi backend come Integrazione LDAP/AD disponibile accanto al backend predefinito.

Predefinito: * Incorporato (computer e posizioni nella configurazione locale) *

Intervallo di aggiornamento

La directory degli oggetti di rete si aggiorna automaticamente in background, il che è particolarmente utile per i backend dinamici come LDAP. L’intervallo di tempo per questi aggiornamenti può essere modificato con questa opzione.

Predefinito: * 60 secondi *

Fase di autenticazione

Veyon può registrare vari tipi di messaggi in file di registro specifici del componente o nel sistema di registrazione del sistema operativo. Queste informazioni possono essere molto utili per la risoluzione dei problemi con Veyon. Le seguenti impostazioni di registrazione consentono di modificare il comportamento della registrazione.

Cartella per il Log file

È possibile utilizzare questa impostazione per specificare in quale directory verranno scritti i file di registro. Si consiglia vivamente di utilizzare qui le variabili segnaposto. Tutte le informazioni sulle variabili supportate sono disponibili nella sezione Variabili segnaposto per percorsi di file.

Default: %TEMP%

Livello di Log

Il livello di registro definisce la gravità minima per la quale vengono scritti i messaggi di registro. Quando si analizzano gli errori del programma, può essere utile impostare il livello di registro su Messaggi di debug e tutto il resto. Ciò genererà un’enorme quantità di dati di registro e non è raccomandato per ambienti di produzione. In alternativa, utilizzare il livello di registro predefinito * Avvisi ed errori * o superiore.

Predefinito: * Avvertenze ed errori *

Limite per il file di log

Affinché i file di registro non diventino troppo grandi e occupino spazio su disco inutilmente, la loro dimensione può essere limitata tramite questa impostazione. Se abilitato, è possibile configurare un limite superiore per la dimensione di un singolo file di registro.

Default: disabled / 100 MB

Ruotare i file di registro

Insieme alla limitazione della dimensione dei file di registro, può essere utile ruotare i file di registro. Se abilitato, ogni file di registro viene rinominato in `` Veyon … log.0`` dopo aver superato il limite configurato. I file precedentemente ruotati vengono rinominati in modo tale che il numero del suffisso del file venga aumentato di 1. Se viene raggiunto il numero configurato di rotazioni, il file più vecchio (ovvero quello con il numero più alto come suffisso) viene eliminato.

Predefinito: * disabilitato / 10x *

Log sullo standard error output

Quando i componenti del programma di Veyon vengono eseguiti da una finestra della riga di comando (shell), è possibile utilizzare questa opzione per specificare se i messaggi di registrazione devono essere stampati su `` stderr`` o `` stdout``. Questa impostazione è rilevante principalmente per le operazioni di scripting.

Predefinito: abilitato

Scrivi nel sistema di log del sistema operativo

In alcuni ambienti potrebbe essere necessario scrivere messaggi di registro direttamente nel registro eventi di Windows, ad es. per raccoglierli in seguito. Questa opzione non influenza la normale registrazione dei file di registro. Su Linux, questa opzione abilita l’inoltro dei messaggi di registro dai processi di Veyon Server al journal systemd dell’unità veyon.service.

Predefinito: disabilitato

È possibile utilizzare il pulsante Cancella tutti i file di registro per eliminare tutti i file di registro Veyon nella directory dei file di registro dell’utente corrente, nonché quelli del servizio di sistema. Ciò interromperà temporaneamente il servizio Veyon.

Servizio

Generale

Nascondi l’icona tray

Per impostazione predefinita, il servizio Veyon visualizza un’icona nella barra delle applicazioni (chiamata anche * pannello di controllo del sistema *, * area informazioni * o simile) per indicare il corretto funzionamento e fornire informazioni di base come la versione del programma e la porta di rete su cui il servizio è in ascolto. L’icona della barra delle applicazioni può essere nascosta abilitando questa opzione.

Predefinito: disabilitato

Mostra notifica quando viene bloccato un accesso non autorizzato

Questa opzione specifica se deve essere visualizzata una notifica se l’accesso al computer locale è stato bloccato, a causa di un errore di autenticazione o del controllo di accesso che nega l’accesso. Soprattutto durante la distribuzione e l’installazione di Veyon queste notifiche spesso indicano problemi con le impostazioni di autenticazione. I motivi tipici di errore sono chiavi di autenticazione non valide o (quando si utilizza l’autenticazione di accesso) credenziali utente non valide (nome utente / password).

Predefinito: abilitato

Mostra notifica sulla connessione remota

In alcuni ambienti potrebbe essere necessario o addirittura necessario informare l’utente che si accede al suo computer da remoto. Questo comportamento può essere ottenuto abilitando questa opzione. Nel caso in cui sia necessario richiedere l’autorizzazione all’utente, è necessario configurare regole di controllo dell’accesso appropriate. Maggiori informazioni sono disponibili nel capitolo Regole di controllo d’accesso.

Predefinito: disabilitato

Avvio automatico

Al momento dell’installazione di Veyon, il servizio Veyon viene registrato come servizio di sistema al fine di avviare automaticamente il server Veyon per le sessioni utente. L’avvio del servizio Veyon può essere impedito disabilitando questa opzione. Dovrai quindi avviare manualmente il server Veyon nelle sessioni utente. La schermata di accesso non sarà accessibile in questo caso.

Predefinito: abilitato

Modalità sessione singola (crea istanza del server solo per sessione locale/fisica)

Scegli questa opzione per scenari per utente singolo, ovvero ogni utente lavora localmente su un computer dedicato. In questa modalità il servizio Veyon avvierà sempre esattamente un’istanza del server per la sessione principale del computer, ad es. la sessione della console su Windows.

Predefinito: abilitato

Modalità multi sessione (per terminali e server desktop remoti)

Abilitando questa opzione, il servizio Veyon avvia un processo Veyon Server per ogni sessione utente su un computer. Ciò include sessioni sia locali che remote (RDP). In genere questo è necessario per supportare scenari di server desktop remoto / terminale. Le istanze del server ascoltano i numeri di porta di rete individuali in base a: ref: Numero di porta del server Veyon <RefVeyonServerPort> e la sessione ID. Per accedere a una sessione diversa dalla sessione predefinita, il numero di porta corrispondente deve essere aggiunto al nome host nella pagina di configurazione: ref: ConfLocationsAndComputers. Puoi usare ad es. `` myhost.example.org: 11101 “” per accedere alla prima sessione RDP su un computer. In alternativa, prendere in considerazione l’utilizzo del componente aggiuntivo NetworkDiscovery <https://veyon.io/addons/#networkdiscovery> _ che esegue la scansione dei computer per le sessioni e li rende disponibili automaticamente in Veyon Master.

Predefinito: disabilitato

Numero massimo di sessioni

In modalità multisessione, il numero di istanze del server può essere limitato tramite questa impostazione. Per impostazione predefinita, su un computer sono supportate fino a 100 sessioni simultanee. Quando si utilizzano numeri superiori a 100, assicurarsi di modificare: ref: numeri di porta del server <RefNetworkPortNumbers> devono essere separati da più di 100. In caso contrario, i numeri di porta di istanze e tipi di server diversi si sovrapporrebbero e causerebbero malfunzionamenti.

Predefinito: 100

Numeri di porta di rete

Server Veyon

Questa impostazione consente di specificare il numero di porta di rete su cui Veyon Server ascolta le connessioni in entrata.

Predefinito: * 11100 *

Server VNC interno

Questa impostazione consente di specificare il numero di porta di rete utilizzato dal server VNC interno. Il server VNC interno ascolta solo su «localhost””, quindi non è mai accessibile direttamente dalla rete. Solo il server Veyon locale accede al server VNC interno e inoltra di conseguenza i dati dello schermo e l’input dell’utente.

Predefinito: * 11200 *

Manager delle funzionalità

Questa impostazione consente di specificare il numero di porta di rete utilizzato da Feature Manager. Questo componente interno fa parte del server Veyon e ascolta solo su «localhost””. Avvia/arresta i processi per fornire funzionalità specifiche. A differenza del servizio Veyon, questi processi nella maggior parte dei casi devono essere eseguiti nel contesto dell’utente connesso e quindi devono comunicare con il server Veyon attraverso questa porta di rete.

Predefinito: * 11300 *

Server per la modalità Presentazione

Questa impostazione consente di specificare il numero di porta di rete utilizzato dal server demo. Il server demo è uno speciale server VNC ad alta efficienza che rende disponibili i dati dello schermo del computer demo a tutti i computer partecipanti.

Predefinito: * 11400 *

Impostazioni di rete varie

Abilita le eccezioni del firewall

Depending on the system configuration it may be impossible to access listening ports such as the Veyon Server port from the network. On Windows the Windows firewall usually blocks any incoming connections. In order to allow access to the Veyon server port and the demo server port, exceptions for the Windows firewall must be configured. This is done automatically during the installation process. If this behavior is not desired and manual configuration is preferred, this option can be disabled.

Predefinito: abilitato

Consenti connessioni solo da questo computer “localhost”

Se non si desidera che il server Veyon sia disponibile per altri computer nella rete, è possibile utilizzare questa opzione. Questa opzione non deve essere attivata per i normali computer che dovrebbero essere accessibili dall’applicazione Veyon Master. Tuttavia, questa opzione può essere utile per i computer degli insegnanti per fornire ulteriore sicurezza oltre alla funzionalità di controllo dell’accesso. L’accesso al server demo non è interessato da questa opzione.

Predefinito: disabilitato

Server VNC

Plugin

Per impostazione predefinita, Veyon utilizza un’implementazione del server VNC interno alla piattaforma specifica per fornire i dati dello schermo di un computer. In alcuni casi, tuttavia, potrebbe essere preferibile utilizzare un plug-in con un’implementazione diversa. Se un computer VNC separato è già in esecuzione sul computer, questa istanza del server può essere utilizzata al posto del server VNC interno selezionando il plugin: guilabel: Server VNC esterno. In questo caso devono essere fornite la password e la porta di rete del server VNC installato.

Predefinito: * Server VNC incorporato *

Suggerimento

Informazioni specifiche sulla piattaforma su come configurare il singolo server VNC interno sono disponibili nel capitolo Note specifiche sulla piattaforma.

Principale

Tutte le impostazioni in questa pagina influenzano l’aspetto, il comportamento e le funzionalità dell’applicazione Veyon Master.

Impostazioni di base

Directory

Per rendere una configurazione generica e indipendente dall’utente, è necessario utilizzare le variabili segnaposto anziché i percorsi assoluti nelle impostazioni della directory. Tutte le informazioni sulle variabili supportate sono disponibili nella sezione Variabili segnaposto per percorsi di file.

Configurazione utente

La configurazione specifica dell’utente di Veyon Master è memorizzata in questa directory. La configurazione contiene le impostazioni per l’interfaccia utente e la selezione del computer dell’ultima sessione.

Predefinito: %APPDATA%/Config

Catture dello schermo

Tutti i file di immagine che sono stati generati utilizzando la funzione screenshot sono memorizzati in questa directory. Nel caso in cui si desideri raccogliere i file in una cartella centrale, qui è possibile fornire un percorso di directory diverso.

Predefinito: %APPDATA%/Screenshots

Interfaccia utente

Intervallo di aggiornamento delle miniature

Questa impostazione determina l’intervallo di tempo in cui vengono aggiornate le anteprime dei computer in Veyon Master. Più breve è l’intervallo, maggiore è il carico del processore sulla macchina master e il carico di rete complessivo.

Predefinito: * 1000 ms *

Colore di sfondo

Questa impostazione consente di personalizzare il colore di sfondo della visualizzazione del monitor.

Predefinito: * bianco *

Colore del testo

Questa impostazione consente di personalizzare il colore utilizzato per visualizzare la didascalia della miniatura del computer nella visualizzazione del monitor.

Predefinito: * nero *

Miniatura anteprima computer

Questa impostazione consente di definire la didascalia per le miniature del computer nella visualizzazione del monitor. Se il nome del computer non è importante per gli utenti, è possibile visualizzare solo il nome dell’utente connesso.

Predefinito: * Nome utente e computer *

Ordinamento

Questa impostazione consente di specificare l’ordinamento per i computer nella visualizzazione monitor. Se la didascalia è configurata per visualizzare solo i nomi utente, può avere senso cambiare anche l’ordinamento in Solo nome utente.

Predefinito: * Nome utente e computer *

Comportamento

Nella scheda :guilabel: sono disponibili le impostazioni Comportamento per modificare il comportamento di Veyon Master in merito a * avvio del programma , *posizioni dei computer nonché * modalità e caratteristiche *.

** Avvio del programma **

Eseguire il controllo degli accessi

È possibile utilizzare questa opzione per definire se eventualmente configurato Controllo accesso al computer deve essere eseguito ogni volta che viene avviata l’applicazione Veyon Master. Anche se il controllo degli accessi viene applicato sul lato client in ogni caso, questa opzione aggiuntiva assicura che gli utenti senza diritti di accesso adeguati non possano nemmeno avviare Veyon Master, rendendo la sicurezza ancora più visibile.

Predefinito: disabilitato

Seleziona automaticamente la posizione corrente

Per impostazione predefinita, tutti i computer selezionati la volta precedente vengono visualizzati dopo l’avvio di Veyon Master. Se invece si desidera visualizzare tutti i computer nella posizione del computer principale, è possibile abilitare questa opzione. Veyon Master tenterà quindi di determinare la posizione del computer locale utilizzando la directory dell’oggetto di rete configurata. Tutti i computer nella stessa posizione verranno quindi selezionati e visualizzati. Affinché questa funzione funzioni correttamente, è necessaria una configurazione DNS correttamente funzionante nella rete in modo che entrambi i nomi dei computer possano essere risolti in indirizzi IP e le ricerche inverse per gli indirizzi IP restituiscano nomi di computer validi.

Predefinito: disabilitato

Regola automaticamente le dimensioni della miniatura del computer

Se la dimensione delle miniature del computer deve essere regolata automaticamente all’avvio di Veyon Master (lo stesso effetto del clic sul: guilabel: pulsante Auto manualmente), questa opzione può essere abilitata. Le dimensioni precedentemente configurate verranno ignorate. Questa funzionalità è particolarmente utile in combinazione con cambio automatico di posizione.

Predefinito: disabilitato

Apri automaticamente il pannello di selezione del computer

È possibile utilizzare questa opzione per definire che il pannello di selezione del computer è aperto all’avvio del programma per impostazione predefinita.

Predefinito: disabilitato

** Posizioni dei computer **

Mostra solo la posizione corrente

Per impostazione predefinita, il pannello di selezione del computer elenca tutti i percorsi forniti dalla directory dell’oggetto di rete configurata. Se questa opzione è abilitata, verrà invece visualizzata solo la posizione del computer master. Questo può rendere l’interfaccia utente più chiara, specialmente in ambienti più grandi con molte posizioni.

Predefinito: disabilitato

Consenti l’aggiunta di posizioni nascoste manualmente

Quando l’opzione Mostra solo la posizione corrente è abilitato l’utente può comunque essere autorizzato ad aggiungere manualmente posizioni altrimenti nascoste. Se questa opzione è abilitata un pulsante aggiuntivo Aggiungi posizione viene visualizzato nel pannello di selezione del computer. Questo pulsante apre una finestra di dialogo con tutte le posizioni disponibili.

Predefinito: disabilitato

Nascondi il computer locale

In scenari di utilizzo normale, spesso non si desidera visualizzare il proprio computer in quanto ciò avviarebbe anche funzioni avviate a livello globale sul proprio computer (ad es. Blocco dello schermo). L’abilitazione di questa opzione nasconderà sempre il computer locale per evitare tali problemi.

Predefinito: disabilitato

Nascondere la propria sessione

Simile a: ref: Opzione nascondi computer locale <RefAutoHideLocalComputer> abilitando questa opzione si nasconde la propria sessione dall’elenco dei computer. Ciò è rilevante solo quando si utilizza: ref: Modalità multisessione <RefMultiSessionMode>.

Predefinito: disabilitato

Nascondi posizioni vuote

In alcune situazioni directory dell’oggetto di rete può contenere posizioni senza computer, ad esempio a causa di filtri LDAP specifici. Tali posizioni vuote possono essere nascoste automaticamente nel pannello di selezione del computer abilitando questa opzione.

Predefinito: disabilitato

Nascondi il campo filtri computer

Il campo del filtro per la ricerca dei computer può essere nascosto tramite questa opzione. Ciò consente di mantenere l’interfaccia utente il più semplice possibile in piccoli ambienti.

Predefinito: disabilitato

** Modalità e caratteristiche **

Applicare la modalita” selezionata per i client computer

Alcune delle funzionalità di Veyon cambiano la modalità operativa di un computer, ad es. la modalità demo o la modalità blocco schermo. Queste modalità sono abilitate una sola volta e non vengono ripristinate in caso di riavvio del computer fisico. Se questa opzione è abilitata, la modalità verrà applicata anche dopo la chiusura di una connessione.

Predefinito: disabilitato

Mostra la finestra di dialogo di conferma per le azioni potenzialmente pericolose

Azioni come il riavvio di un computer o la disconnessione degli utenti possono avere effetti collaterali indesiderati come la perdita di dati dovuta a documenti non salvati. Al fine di prevenire l’attivazione involontaria di tali funzionalità, tramite questa opzione è possibile abilitare una finestra di dialogo di conferma.

Predefinito: disabilitato

Funzionalità al doppio clic

Questa impostazione consente di definire una funzione da attivare ogni volta che si fa doppio clic su un computer. Nella maggior parte dei casi si desidera utilizzare la funzione telecomando o visualizzazione remota qui.

Predefinito: * nessuna funzione *

Funzionalita”

Le due liste in Caratteristiche consentono di definire quali funzioni sono rese disponibili in Veyon Master. Le singole funzioni possono essere disabilitate, se necessario, in modo che i rispettivi pulsanti e voci del menu contestuale non vengano visualizzati. Questo può aiutare a semplificare l’interfaccia utente se alcune funzionalità non vengono mai utilizzate comunque.

Una funzione può essere spostata da un elenco all’altro selezionandola e facendo clic sul rispettivo pulsante con l’icona della freccia. In alternativa, è possibile fare doppio clic su una funzione per spostarla sull’altro elenco.

Controllo accessi

Controllo accesso al computer

Backend dei gruppi di utenti
Un back-end del gruppo di utenti fornisce i gruppi di utenti e i loro membri (utenti) necessari per il controllo degli accessi. Mentre il backend predefinito è adatto per i gruppi di utenti del sistema, i backend LDAP renderanno disponibili i gruppi di utenti LDAP / AD per il controllo degli accessi.
Abilitare l’utilizzo di gruppi di dominio

Quando si utilizza il controllo di accesso in combinazione con il back-end predefinito, per impostazione predefinita sono disponibili solo i gruppi di sistemi locali. Abilitando questa opzione è possibile interrogare e utilizzare tutti i gruppi del dominio a cui appartiene un computer. Questa opzione non è abilitata per impostazione predefinita per motivi di prestazioni. In ambienti con un numero enorme di gruppi di domini, il controllo degli accessi può richiedere molto tempo. In tali scenari dovresti considerare di impostare Integrazione LDAP / AD e usa uno dei backend * LDAP *.

Predefinito: disabilitato

Garantire l’accesso a tutti gli utenti autenticati (predefinito)
Se lo schema di autenticazione selezionato è sufficiente (ad es. Quando si utilizza un’autenticazione di file chiave con accesso limitato ai file chiave), è possibile abilitare questa opzione. In questa modalità non viene eseguito alcun ulteriore controllo di accesso.
Limita l’accesso a specifici membri di gruppi utenti
In questa modalità l’accesso a un computer è limitato ai membri di specifici gruppi di utenti. Questi gruppi di utenti autorizzati possono essere configurati nella sezione Ref UserGroups autorizzati.
Elabora le regole di controllo di accesso
Questa modalità consente un controllo degli accessi dettagliato basato su regole di controllo degli accessi definite dall’utente e offre la massima flessibilità. Tuttavia, la sua configurazione iniziale potrebbe essere leggermente più complicata e richiedere molto tempo, quindi dovresti scegliere una delle altre due modalità di controllo dell’accesso per i test iniziali.

Gruppi di utenti autorizzati all’accesso al computer

La configurazione di questa modalità di controllo degli accessi è semplice. L’elenco a sinistra contiene tutti i gruppi di utenti forniti dal back-end selezionato. Per impostazione predefinita, si tratta di tutti i gruppi di utenti locali. Se Integrazione LDAP / AD è configurato, vengono visualizzati tutti i gruppi di utenti LDAP. Ora puoi selezionare uno o più gruppi e spostarli nell’elenco a destra usando i pulsanti corrispondenti tra i due elenchi. Tutti i membri di ciascun gruppo nell’elenco a destra possono accedere al computer. Non dimenticare di trasferire successivamente la configurazione su tutti i computer.

Il pulsante Test nella sezione :guilabel:` Controllo dell’accesso al computer` può essere utilizzato per verificare se un determinato utente è autorizzato ad accedere a un computer tramite i gruppi definiti.

Regole di controllo d’accesso

La configurazione di un set di regole per il controllo degli accessi, inclusi i casi d’uso, è descritta in dettaglio nel capitolo Regole di controllo d’accesso.

Chiavi di autenticazione

Cartelle per i file delle chiavi

Le variabili segnaposto devono essere utilizzate per entrambe le directory di base. Tutte le informazioni sulle variabili supportate sono disponibili nella sezione Variabili segnaposto per percorsi di file. Su Windows è possibile utilizzare percorsi UNC anziché percorsi assoluti.

Cartella chiave Pubblica

La directory di base specificata contiene sottodirectory per ogni nome di chiave (ad es. Ruolo utente) con l’effettivo file di chiave pubblica all’interno. Ciò consente di impostare autorizzazioni di accesso individuali per le sottodirectory. I file della chiave pubblica vengono inseriti nella sottodirectory corrispondente sotto la directory di base sia durante la creazione che durante l’importazione. Quando si carica il rispettivo file della chiave pubblica per l’autenticazione, Veyon Server utilizza anche questa directory di base.

Predefinito: %GLOBALAPPDATA%/keys/public

Cartella chiave Privata

La directory di base specificata contiene sottodirectory per ciascun nome di chiave (ad es. Ruolo utente) con l’effettivo file di chiave privata all’interno. Ciò consente di definire i diritti di accesso individuali per le sottodirectory. Durante la creazione e l’importazione, i file della chiave privata vengono inseriti nella corrispondente sottodirectory sotto la directory di base. Veyon Master cerca i file delle chiavi private accessibili in questa directory di base e utilizza i file delle chiavi private per autenticarsi sul server Veyon sui computer client.

Predefinito: %GLOBALAPPDATA%/keys/private

Server per la modalità Presentazione

Nella pagina di configurazione per il server demo, è possibile effettuare alcune ottimizzazioni per migliorare le prestazioni della modalità demo. Queste impostazioni devono essere modificate solo se le prestazioni non sono soddisfacenti o se è disponibile solo una piccola larghezza di banda di rete per il trasferimento dei dati.

Intervallo di aggiornamento

Questa opzione può essere utilizzata per impostare l’intervallo tra due aggiornamenti dello schermo. Minore è l’intervallo, maggiore è la frequenza di aggiornamento e più fluido è il trasferimento dello schermo. Tuttavia, un valore inferiore comporta un carico della CPU più elevato e un aumento del traffico di rete.

Predefinito: * 100 ms *

Intervallo del Key frame

Durante una trasmissione dello schermo, solo le aree dello schermo modificate vengono inviate ai computer client (aggiornamenti incrementali) al fine di ridurre al minimo il traffico di rete. Questi aggiornamenti vengono eseguiti singolarmente e in modo asincrono per ciascun client, in modo che dopo un po “i client non possano più essere eseguiti in modo sincrono a seconda della larghezza di banda e della latenza. Pertanto, i contenuti completi dello schermo (* fotogrammi chiave *) vengono trasmessi a intervalli regolari, in modo tale che un’immagine sincrona venga visualizzata su tutti i client al più tardi allo scadere dell’intervallo del fotogramma chiave. Più basso è il valore, maggiore è il traffico del processore e della rete.

Predefinito: * 10 s *

Limite memoria

Tutti i dati di aggiornamento dello schermo vengono archiviati dal server demo in un buffer interno e quindi distribuiti ai client. Per evitare che il buffer interno tra due fotogrammi chiave occupi troppa memoria a causa di troppi aggiornamenti incrementali, il valore specificato qui viene utilizzato come limite. Questo limite è un limite morbido, quindi se viene superato, viene tentato un aggiornamento del key frame (anche se l’intervallo del key frame non è ancora scaduto), ma il buffer conserva comunque tutti i dati. Il buffer viene resettato solo quando viene superato il doppio valore (limite rigido). Se ci sono ripetute interruzioni o ritardi durante la trasmissione di uno schermo, questo valore dovrebbe essere aumentato.

Predefinito: 128 MB

LDAP

Tutte le opzioni per connettere Veyon a un server compatibile con LDAP sono descritte in dettaglio nel capitolo Integrazione LDAP/AD.

Trasferimento di file

A partire da Veyon 4.5, nella vista avanzata è disponibile una pagina di configurazione aggiuntiva con le impostazioni relative alla funzione di trasferimento file.

Cartelle

Per rendere una configurazione generica e indipendente dall’utente, è necessario utilizzare le variabili segnaposto anziché i percorsi assoluti nelle impostazioni della directory. Tutte le informazioni sulle variabili supportate sono disponibili nella sezione Variabili segnaposto per percorsi di file.

Directory di origine predefinita

Questa directory verrà aperta per impostazione predefinita quando l’utente avvia la funzione di trasferimento file e gli viene chiesto di trasferire i file.

Predefinito: %HOME%

Directory di destinazione

Tutti i file ricevuti verranno salvati in questa directory sul lato client. Modificalo se non vuoi memorizzare i file ricevuti nella root della directory home dell’utente.

Predefinito: %HOME%

Opzioni

Ricorda l’ultima directory di origine
Quando all’utente viene chiesto di trasferire i file, la directory da cui sono stati trasferiti i file in precedenza viene aperta se questa opzione è abilitata. Disabilita questa opzione per aprire sempre la directory di origine predefinita.

Predefinito: abilitato

Crea la directory di destinazione se non esiste

Quando si utilizza una directory di destinazione diversa da quella predefinita, può accadere che la directory di destinazione non esista. Mantieni abilitata questa opzione per crearla automaticamente ogni volta che ricevi file sul lato client.

Predefinito: abilitato

WebAPI

A partire da Veyon 4.5, nella visualizzazione avanzata è disponibile una pagina di configurazione aggiuntiva con le impostazioni relative al plug-in WebAPI.

Generale

Abilita il server API Web

Questa opzione definisce se avviare il server APIWeb insieme al servizio Veyon.

Predefinito: disabilitato

Porta di rete

Questa impostazione specifica la porta di rete sulla quale il server WebAPI deve ascoltare le richieste in arrivo.

Predefinita: 11080

Impostazioni di connessione

Una connessione fa riferimento a una risorsa di autenticazione identificata da un UUID di connessione.

A vita

Ogni connessione è valida solo per un certo periodo di tempo, indipendentemente dalla sua attività (a differenza del timeout di inattività). Questo valore può essere modificato per configurare durate di connessione più brevi o più lunghe.

Predefinito: 3 h

Timeout di inattività

Se non viene ricevuta alcuna richiesta per una determinata connessione per un periodo più lungo di quanto specificato da questa impostazione, la connessione viene chiusa automaticamente.

Predefinito: 60 s

Timeout di autenticazione

Questa impostazione determina il periodo di tempo entro il quale una connessione deve essere autenticata correttamente. Le connessioni non autenticate verranno chiuse automaticamente allo scadere del tempo.

Predefinito: 15 s

Numero massimo di connessioni aperte

Questa impostazione limita il numero di connessioni aperte simultanee, ad es. per mitigare possibili attacchi denial of service.

Predefinito: 10

Crittografia della connessione

Usa HTTPS con TLS 1.3 invece di HTTP

Questa opzione determina se devono essere consentite solo le connessioni HTTPS invece delle connessioni HTTP. Se abilitato, è necessario configurare anche il certificato TLS appropriato e i file della chiave privata.

Predefinito: disabilitato

File del certificato TLS
Il percorso del file del certificato TLS per il server HTTPS.
File della chiave privata TLS
Il percorso del file della chiave privata TLS per il server HTTPS.

Variabili segnaposto per percorsi di file

Le variabili segnaposto devono essere fornite nel formato ``% VARIABLE% `` su tutte le piattaforme.

%APPDATA%

Questa variabile viene espansa nella directory specifica dell’utente per i dati dell’applicazione memorizzati da Veyon, ad es. :file: … \ User \ AppData \ Veyon su Windows o ~/.veyon su Linux.

%HOME%

Questa variabile viene espansa nella directory specifica dell’utente per i dati registrati da Veyon, ad es. :file: … \ User \ AppData \ Veyon su Windows o ~/.veyon su Linux.

%GLOBALAPPDATA%

Questa variabile viene espansa nella directory dell’intero sistema per i dati dell’applicazione di Veyon, ad es. :file: C: \ ProgramData \ Veyon su Windows o /etc/veyon su Linux.

%TEMP%

Questa variabile viene espansa nella directory specifica dell’utente per i file temporanei, ad es. :file: … \ User \ AppData \ Local \ Temp su Windows o /tmp (o qualsiasi percorso specificato nella variabile di ambiente $TMPDIR) su Linux. I processi in esecuzione con privilegi di sistema (Veyon Service, Veyon Server e tutti i processi secondari) utilizzano C:\Windows\Temp su Windows e:file:/tmp su Linux.

Variabili ambientali

Veyon valuta varie variabili d’ambiente opzionali che consentono di sovrascrivere le impostazioni predefinite per le impostazioni di runtime come ID sessione, livello di registro e chiavi di autenticazione da utilizzare.

VEYON_AUTH_KEY_NAME

Questa variabile consente di specificare esplicitamente il nome della chiave di autenticazione da utilizzare nel caso in cui siano disponibili più chiavi di autenticazione. Questo può essere utilizzato per sovrascrivere il comportamento predefinito di Veyon Master che utilizza la prima chiave privata leggibile anche se sono disponibili più file di chiave privata.

VEYON_LOG_LEVEL

Questa variabile consente di sovrascrivere il livello di log configurato in fase di esecuzione, ad es. per scopi di debug.

VEYON_SESSION_ID

Questa variabile consente di sovrascrivere l’ID di sessione e viene valutata da Veyon Server. Quando la modalità multisessione (più sessioni locali e remote sullo stesso host) è abilitata, ogni istanza di Veyon Server deve utilizzare numeri di rete distinti per non entrare in conflitto con altre istanze. Un server quindi aggiunge il valore numerico di questa variabile d’ambiente alla configurazione: ref: numeri di porta di rete <RefNetworkPortNumbers> per determinare i numeri di porta da utilizzare. In: ref: RefNetworkObjectDirectory la porta assoluta (porta del server Veyon + ID sessione) deve essere specificata insieme al compute /indirizzo IP, ad es. `` 192.168.2.3: 11104 “”.